{hdwplayer width=448 height=358 video=https://www.energiaeforma.it/images/grafica/video/la6_festa_tai_chi.m4v preview=https://www.energiaeforma.it/images/grafica/video/logo-446x356.jpg}

Ternate (Va) - «Una cosa è certa: noi non ci fermiamo». Parola di Francesco Curci, responsabile di "Energia e Forma", l'associazione sportiva con sede a Ternate che, nella notte tra sabato 17 e domenica 18 ottobre, nel corso della "Festa del Tai Chi" organizzata al parco Berrini, ha subito un furto del valore di 4mila euro.

Non si tratta di proclami: domenica prossima, dalle 10 alle 17, sempre al parco Berrini, Curci e i suoi collaboratori ripropongono l'evento che i ladri hanno drammaticamente rovinato, impedendone lo svolgimento.

I malfattori erano penetrati nel parco nella notte di sabato, dopo che si era svolta la prima delle due giornate della festa. Si erano poi addentrati nel locale adiacente alle cucine, dove era custodito il necessario per l'appuntamento del giorno dopo: attrezzature sportive, impianti audio, libri, magliette e cibo.

La mattina seguente, davanti agli occhi di Curci e dei suoi collaboratori si è parato un amaro spettacolo: "Quel che più ci ha disgustato non è stato tanto constatare la perdita del materiale e il conseguente danno economico, seppure importante, ma l'affronto di vedere la bandiera della pace ridotta a brandelli e il cibo buttato per terra – commenta il responsabile di "Energia e Forma" -.

Si è trattato di un atto di bieco vandalismo, ai danni, oltretutto, di un evento completamente gratuito, sia per le scuole che aderiscono che per i semplici partecipanti, nato per offrire a tutti un'occasione libera e gioiosa di incontro, scambio, benessere, crescita personale e divertimento".

Il furto, comunque, non fermerà Energia e Forma: se anche la refurtiva non sarà recuperata, nonostante le tracce lasciate sul luogo del furto, tra cui, addirittura, un casco da moto, e l'impegno di istituzioni e forze dell'ordine, lo spirito della "Festa del Tai Chi" tornerà ad animare il parco Berrini: "Se c'è una cosa che il Tai Chi mi ha insegnato è proprio la capacità di cogliere il bene anche nelle situazioni di male – spiega Curci -.

La gara di affetto e solidarietà che ci ha travolto, a partire dal contributo del Comune, che ci ha offerto di nuovo lo spazio del parco e il suo patrocinio, fino al commento partecipe del semplice simpatizzante, è il segno di quanto le energie positive siano più forti e numerose delle schegge impazzite.

Questo non solo ci conforta, ma ci stimola a riprendere subito il nostro posto, a valorizzare il buono e il bello che c'è dentro ciascuno di noi nel modo che meglio conosciamo: attraverso la pratica consapevole del Tai Chi e l'accoglienza generosa verso chiunque voglia fare altrettanto, anche se per la prima volta e per un giorno soltanto".

L'appuntamento, dunque, è per domenica 2 ottobre in riva al lago di Ternate, nella zona centrale del parco Berrini. Dalle 10 alle 17 il maestro Francesco Curci, insieme agli insegnanti di una decina di scuole di arti marziali provenienti da tutta la provincia, offriranno, a chiunque lo desideri, lezioni collettive e stage gratuiti aperti sia a chi già pratica, che a principianti e curiosi.